cane san bernardo
Standard di Razza del Cane San Bernardo
Standard F.C.I. n° 61
(revisionato dal Club Svizzero e dall′SKG nel 1993)
(traduzione dal tedesco del Dott. A. Morsiani)

CANE SAN BERNARDO

Origine: Svizzera.
Data di pubblicazione dello Standard originale: 24-03-1993
Utilizzazione della razza: cane da scorta, da guardia e da casa.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 2 (Pinseher e Sehnanzer, Molossoidi e Bovari svizzeri).
Sezione 2.2 (Molossi di tipo cane da montagna). Senza prove di lavoro.



Breve sintesi storica

Nella parte alta del passo del Gran San Bernardo a 2.469 m sul mare nell′XI seeolo, dei monaci fondarono un Ospizio come asilo per viaggiatori e pellegrini. In quel luogo già dalla metà del XVII secolo venivano tenuti dei grandi cani da montagna per sorveglianza e protezione. La presenza di tali cani è iconograficamente documentata già dal 1695 e per iscritto in un promemoria dell′Ospizio nell′anno 1707. I cani venivano presto impiegati come scorte e soprattutto come cani da salvataggio nella neve e nella nebbia. Le cronache pubblicate in molte lingue sulle vite umane strappate alla morte bianca da questi cani ed i racconti verbali dei soldati che con Napoleone attraversarono il passo nel XIX secolo diffusero la fama del San Bernardo (allora chiamato Barry-hund) in tutta Europa. Il leggendario Barry divenne il prototipo dei cani da salvataggio. I diretti antenati del cane di San Bernardo sono stati i grandi cani dei contadini che erano molto diffusi nei paraggi. In poche generazioni si stabilizzarono su un tipo ideale che pervenne nella razza odierna. Heinrich Schumacher di Hollingen presso Berna cominciò per primo nel 1867 a redigere certificati di origine per i suoi Cani. Nel febbraio 1884 venne iniziato il libro delle Origini Svizzero (S.H.S.B. = Schweizerische Hunde Stammbuch). La prima iscrizione fu quella del San Bernardo Leon e le altre 28 iscrizioni riguardavano parimenti San Bernardo. Nel marzo 1884 venne fondato a Basel il Club Svizzero del San Bernardo. In occasione di un Congresso cinologico internazionale il 2 giugno 1887 il San Bernardo venne riconosciuto come razza svizzera e lo standard di razza venne dichiarato obbligatorio. Il San Bernardo da allora in poi fu approvato come cane nazionale svizzero.

 

Caratteristiche generali

Esistono due varietà del cane di San Bernardo:
varietà a pelo corto e varietà a pelo lungo.

Ambedue le varietà hanno una rimarchevole mole e possiedono un corpo armonico, possente, vigoroso e muscoloso con testa imponente ed espressione attenta.


Comportamento e carattere
Amichevole - Temperamento tranquillo ma anche vivace, carattere vigile.

Proporzioni Importanti
Proporzione ideale al garrese lunghezza del tronco (misurata dall′articolazione della spalla alla tuberosità ischiatrica) 5:6. Caratteristiche generali: figura poderosa ed imponente. Cranio (Oberkopf): forte, largo, visto di profilo e di fronte leggermente convesso inserentesi lateralmente con morbida rotondità nelle sviluppatissime arcate zigomatiche; verso il muso scende a perpendicolo. Cresta occipitale solo moderatamente marcata. Arcata orbitale fortemente sviluppata. Partendo dalla radice della fronte c′è un solco che, correndo al centro del cranio, si perde a poco a poco nell′occipite. La pelle della fronte forma sopra gli occhi delle pieghe (rughe) che convergono verso il solco frontale ravvicinate l′una all′altra. Quando il cane è eccitato tali pieghe si evidenziano maggiormente. In attenzione l′attacco dell′orecchio forma col cranio una linea retta.

Stop
Marcatamente pronunziato.

Muso
Corto uniformemente largo. Canna nasale dritta con una lieve scanalatura. La lunghezza del muso è più corta della profondità (misurata alla radice del muso). Naso Largo e angoloso. Narici ben aperte. Tartufo nero.

Labbra
Bordo labiale nero. Le labbra della mascella superiore che sono fortemente sviluppate, risalendo verso il tartufo, formano un ampio arco. Commessura labiale visibile.

Dentatura
Forte, regolare e completa a forbice o a tenaglia. Ammessa la forbice rovesciata. La mancanza del P1 (premolare) è tollerata.

Occhi
Di grandezza media, bruno scuro fino a bruno nocciola, moderatamente infossati con espressione amichevole, serrati il più possibile. Orli palpebrali completamente pigmentati. Una chiusura palpebrale naturale è decisamente desiderabile. Una piccola piega angolare con congiuntiva poco visibile alla palpebra inferiore e una piccola piega angolare alla palpebra superiore sono ammesse.

Orecchie
Di media grandezza attaccate alte e larghe. Padiglione fortemente sviluppato. Orecchie pendenti di forma triangolare con punta arrotondata. Bordo posteriore lievemente staccato - Bordo anteriore aderente alle guance. Collo Forte, gola e giogaia moderatamente sviluppate.

Corpo
Nell′insieme: apparenza generale imponente e armonica. Profilo superiore Garrese ben marcato. Dritto dal garrese ai lombi. Groppa dolcemente discendente, che s′inserisce impercettibilmente nella radice della coda. Dorso Largo, potente e solido.

Torace
Gabbia toracica moderatamente discesa con archi costali ben cerchiati. Non deve sorpassare in basso i gomiti. Ventre e profilo inferiore All′indietro, leggermente retratto.

Coda
Attacco largo e potente. Coda lunga e pesante. L′ultima vertebra caudale deve arrivare come minimo al garretto. In riposo tenuta pendente o nel suo terzo inferiore ricurva verso l′alto.
In azione portata più rialzata.

Arti
Anteriori
Nell′insieme
:
In stazione piuttosto larghi, visti dal davanti dritti e paralleli. Scapola: obliqua, muscolosa e ben aderente.
Braccio: della stessa lunghezza o soltanto un poco più corto della scapola.
Angolo scapolo-omerale non troppo ottuso.
Gomiti: aderenti.
Avambraccio: dritto, di forte ossatura, muscolatura asciutta. Metacarpo: visto dal davanti verticale, visto di lato leggermente obliquo.
Piedi anteriori: larghi, chiusi con dita potenti e fortemente arcuate.

Posteriori
Nell′insieme
:
Moderatamente angolati, muscolosi, visti da dietro gli arti posteriori sono paralleli e in posizione non stretta. Coscia: potente, muscolosa e larga.
Articolazione del ginocchio: ben angolata, né girata in fuori né in dentro.
Gamba: obliqua, abbastanza lunga.
Garretti: leggermente angolati e solidi.
Metatarsi: visti da dietro dritti e paralleli.
Piedi posteriori: larghi, chiusi con dita potenti e fortemente arcuate, speroni tollerati purché non intralcino il movimento. Apparato locomotore: movimento armonico, efficace con buona spinta del treno posteriore.
Sia i piedi anteriori che i posteriori vengono portati in linea retta.

Manto
Caratteristiche del pelo:
Varietà a pelo corto: manto di copertura folto, liscio aderente e sostenuto. Abbondante sottopelo. Cosce leggermente pantalonate. Coda con pelo folto.

Varietà a pelo lungo: di media lunghezza, pelo di copertura dritto con ricco sottopelo. Sopra bacino e groppa per la maggior parte alquanto ondulato. Cosce fortemente pantalonate. Arti anteriori frangiati. Muso e orecchie a pelo corto. Pelo ricco alla coda.

Colore del pelo: colore di base con pezzatura rosso bruno più o meno grande (cani a macchie) fino a colore rosso bruno esteso sopra schiena e fianchi (cani a sella completa). Mantello frastagliato con venature bianche nella sella. Hanno tutti lo stesso valore. Il rosso bruno tigrato è ammesso, il giallo bruno è tollerato. Desiderata l′abbrunitura scura alla testa. Tracce di nero al corpo sono tollerate.

Marcature (bianche, n.d.t.): petto, piedi, punta della coda, canna nasale, banda frontale e chiazza alla nuca. Il collare bianco è desiderato. Maschera scura simmetrica.


Altezza
Minimo assoluto: maschi cm 70 - femmine cm 65
Massimo:               maschi cm 90 - femmine cm 80

I cani che oltrepassano il massimo non devono essere svalutati nel giudizio purché appaiano armonici nell′insieme e mostrino un corretto apparato locomotore.

Difetti
Ogni deviazione dagli accennati punti è da considerarsi difetto.
La valutazione deve essere in rapporto al grado di gravità del difetto e tenendo conto fino a che punto è compromettente.

  • - Scarsa impronta del sesso
  • - Insieme privo di armonia
  • - Forti rughe alla testa e al collo
  • - Muso troppo corto o troppo lungo
  • - Labbra cadenti in fuori alla mascella inferiore
  • - Mancanza di denti all′infuori del P
  • - Orecchie attaccate basse
  • - Occhi chiari
  • - Palpebre troppo rilassate
  • - Lordosi, cifosi
  • - Groppa sopraelevata o fortemente avvallata
  • - Coda portata arrotolata sulla schiena
  • - Arti anteriori storti o fortemente girati in fuori (mancini)
  • - Posteriori dritti, a botte o vaccini
  • - Apparato locomotore difettoso
  • - Pelo crespo
  • - Pigmento incompleto o mancante al tartufo, attorno al naso, alle labbra e alle palpebre
  • - Marcature (bianche, n.d.t.) difettose, per es. spruzzi (moschettature, n.d.t.) rosso-bruni nel bianco

Difetti che escludono dal giudizio:

  • - Difetti di carattere (eccessiva timidezza, aggressività)
  • - Mantello completamente bianco o completamente rosso bruno
  • - Mantello di altro colore
  • - Prognatismo - enognatismo
  • - Entropion-ectropion
  • - Occhi blu o gazzuoli
  • - Non raggiungimento del minimo di taglia

N.B. I maschi devono presentare due normali e visibili testicoli i quali si trovano nello scroto.